ANTONIO FORNARI

ANTONIO FORNARI - Biografia

Scenografo, pittore, scrittore e critico d'arte, giovanissimo entra a far parte del gruppo dei futuristi romani. Al principio degli anni venti espone in numerose collettive allestite dai Sindacati artistici futuristi, con Balla, Prampolini, Marchi, Paladini e Pannaggi, e in particolare alla Esposizione futurista al Winter Club di Torino ed alla prima Espiosizione Futurista di Macerata (mag-giu 1922); quindi a quella dell'arte Italiana al Teatro Modernissimo di Bologna. Nel 1924 è con i futuristi alla Internazionale Ausstellung neuer Theater-technnik al Konzesthaus di Vienna. Poi passa a Parigi, dove compie ricerche sul libro-oggetto e, nel 1926, realizza per Gualtieri di San Lazzaro una raccolta di poesie di autori contemporanei in cinque esemplari, con illustrazioni originali a tempera. In Italia frequenta con assiduità la Casa d'Arte Bragaglia, ove espone i suoi disegni ed i suoi quadri, ed intreccia relazioni molto strette con Paladini e Depero. Nel 1927, con Umberto Barbaro, Paolo Flores, Dino Terra e Vinicio Paladini, fonda a Roma il Movimento immaginista, che viene presentato il 5 febbraio da Bragaglia, ove è allestita la mostra di gruppo.
Sembra che all'origine del movimento ci siano le tempere ed i disegni del Fornari, definiti in una precedente conferenza da Paladini "fantastiche città di sogno".