GINO SOGGETTI

GINO SOGGETTI - Biografia

Nato a Santa Giulietta in provincia di Pavia il 13 agosto 1898. è un giovane di temperamento audace e ribelle, a diciotto anni aderisce entusiasticamente al movimento futurista, confidando nella sua vocazione rivoluzionaria. Nello stesso anno collabora a «L’Italia Futurista» e fonda, insieme al suo più grande e fedele amico, Angelo Rognoni (1896 – 1957), la rivista «La Folgore Futurista». Successivamente, nel 1922, fonda la casa editrice «Avanguardia», con l’obbiettivo di sostenere i giovani scrittori.
Sull’onda di un’entusiastica visione del Futurismo, di ritorno dal fronte, partecipa alle rassegne organizzate dal movimento in Italia, tra queste ricordiamo quella del 1918 alla Galleria Centrale di Milano, e la Mostra Nazionale Futurista che si tenne nello stesso anno a Piacenza. Le sue opere di grafica pubblicitaria, soprattutto per Cinzano, Campari e Gancia firmate con la sigla “gi.so”, sono la chiara espressione di una maestria maturata nei canoni futuristi, rare e preziose non solo per lo scarso numero di esemplari, ma perché obbiettivamente di grande qualità.
L’artista muore a Pavia nel 1958.