GINO SEVERINI

GINO SEVERINI - Biografia

Dopo aver passato l’infanzia a Cortona, si trasferisce giovanissimo a Roma. Nella capitale conosce Giacomo Balla, pittore già affermato e tra i protagonisti del divisionismo italiano. Grazie all’amicizia con Balla, Severini entra in contatto con un altro giovane pittore di talento: Umberto Boccioni. Sarà Giacomo Balla ad iniziare i due giovani alla tecnica divisionista.
Non trovando a Roma il successo sperato a Roma, Severini nel 1906 si trasferisce a Parigi, avvicinandosi alla tecnica puntinista di Seurat.
Nel 1910 Severini, insieme a Umberto Boccioni, Giacomo Balla, Carlo Carrà e Luigi Russolo, aderisce al Manifesto dei pittori futuristi. Dalla capitale francese l’artista svolge un importante ruolo di collegamento fra l’ambiente parigino e il gruppo futurista italiano.