VIRGILIO MARCHI

VIRGILIO MARCHI - Biografia

Virgilio Marchi (Livorno, 21 gennaio 1895 – Roma, 30 aprile 1960) è stato uno scenografo e architetto italiano.
Fu un esponente di spicco del Secondo Futurismo nonché uno dei maggiori scenografi italiani. Avvicinatosi da giovanissimo al movimento futurista, diventò amico di Filippo Tommaso Marinetti, per il quale progettò la sua villa di Capri nel 1927. I suoi disegni rappresentano così la sintesi estrema tra la cultura architettonica e urbanistica delle avanguardie come Antonio Sant'Elia e Mario Chiattone e la pura ricerca formale. Come architetto nel 1925 ristrutturò il Teatro Odescalchi dotandolo di un moderno impianto elettrico, la Casa d'Arte Bragaglia e il Teatro degli Indipendenti, sviluppando anche il progetto di restauro delle antiche terme romane di Via degli Avignonesi a Roma.
Nel 1929 disegnò scene e costumi delle opere L'Italiana in Algeri e La Cenerentola di Rossini. Nel 1930 iniziò la sua collaborazione con la Compagnia di Lamberto Picasso. L'anno seguente pubblicò Italia nuova mentre nel 1934 fu tra i partecipanti del Convegno Volta indetto dall'Accademia d'Italia.
Tra il 1948 ed il 1952 realizzò il Cinema Odeon di Livorno, all'epoca uno dei più grandi d'Italia e oggi sostanzialmente demolito.