IL DADAISMO DI MAN RAY ALL'ARTE CENTRO 1981

Man Ray è stato un pittore , fotografo surrealista e grafico statunitense esponente del Dadaismo . Il percorso artistico di Man Ray , sembra essere contrassegnato da un magico tentativo di catturare l'essenza della realtà una volta constatata l'inadeguatezza dell'illustrazione.
In particolare è nell'asse Parigi-New York -Parigi che si viene a determinare la signolare traiettoria di Man Ray , disincantato evasore di linguaggi artistici consolidati in compagnia di Marcel Duchamp , esploratore di mezzi per produrre immagini che,partendo dall'origine e dalla fisionomia del soggetto, mantengono la costate comune di trasformare la natura stessa delle cose . Perchè " cosa " è lo strumento che viene adoprato (superficie e colore, carta sensibile e camera oscura , oggetto reale ) ma altrettanto "cosa"è la figura di riferimento usato come pretesto, come " strumento" per infne come " nome", come espressione linguistica che costituisce l'ulteriore versante del percepire del conoscere.
Il nome e la cosa , sono i termini omogenei che Man Ray utilizza nella cattura dell'esperienza da segnalare.
Risulta rilevante il desiderio di imprigionamento del soggetto , la sua azione artistica si compie nel portare una nuova dimensione , quella bidimensionale della pellicola fotografica .
Nel 1981 la Galleria Arte Centro , durante una serie di mostre riguardanti la corrente artistica del Dadaismo , fece una personale di Man Ray con catalogo , dove vi erano presenti sia pezzi unici sia multipli.


 

22.12.2020